La Nostra Storia

Nel 1972 Valerio ed Enzo Frescura fondano la “ Fabbrica Frescura”, piccola azienda produttrice di montature da vista e sole a gestione familiare, vende migliaia di occhiali in Italia e all'estero, facendosi conoscere per la robustezza delle montature ideate e progettate all'interno dell'azienda e controllate una ad una dai proprietari.

Nel 1994, proprio per l'esperienza fatta nei vari reparti d’ideazione, costruzione e controllo qualità, Giuliano Frescura apre l'Ottica Frescura, un negozio che offre una vasta gamma di occhiali di produzione propria, esclusivamente Made in Italy, ma anche numerosi marchi rinomati.

 

Leggi tutto: La Nostra Storia

Storia dell'occhialeria Cadorina


Il primo stabilimento a RizziosIl 15 marzo 1878, nello studio padovano del notaio Giacomelli, Angelo Frescura con il fratello Leone e Giovanni Lozza sottoscrivono l'atto costitutivo di una Società. Angelo Frescura, l'anima dell'impresa, proviene da una modesta famiglia cadorina abitante a Rizzios di Calalzo di Cadore ed i cui numerosi componenti alternano l'attività agricola stagionale con quella artigiana cui sono stati indirizzati dal capofamiglia, cacciatore e costruttore di pettini d'osso. Angelo Frescura fa il venditore ambulante di occhiali costruiti prevalentemente in Francia ed in Germania e di pettini d’osso di produzione casalinga. Nel 1868 apre una bancarella, poi una bottega di materiale ottico a Padova e comincia a pensare di fondare nella natia Calalzo quella fabbrica di occhiali che creerà dieci anni dopo assieme al fratello Leone ed a Giovanni Lozza.

Leggi tutto: Storia dell'occhialeria Cadorina

Calalzo il santuario celtico paleoveneto e le terme


Andate a Calalzo, località degna comunque di visita per la sua intrinseca piacevolezza, ai piedi del gigante Antelao, lambita dal celebre lago, che è tanto bello in tutte le stagioni. Ma Calalzo nasconde anche un mistero: una bellezza antichissima, che pochi fortunati conoscono e che ci parla di un passato estraneo alle rotte abituali della storia. Perché a Lagole di Calalzo, a pochi passi dal lago, sorge una collinetta boscosa, che nasconde un sito di straordinario fascino e di formidabile importanza archeostorica: un santuario celta paleoveneto, dedicato ad un culto lustrale. Perchè il santuario è, in realtà, una bellissima sorgente termale solforosa, da cui scaturiscono acque salutifere, che striano la pietra di ruggini e formano polle in cui ancora oggi è possibile bagnarsi: un luogo straordinario e pieno di una poesia senza tempo, che ha restituito stupendi reperti votivi, statuette, spade, monili, che coprono un arco che va dal III° secolo a.C. al IV d.C., quando l’originario culto veneto, forse di tipo guerriero o legato alla fecondità femminile, era da tempo stato sostituito da quello di Apollo.

Leggi tutto: Calalzo il santuario celtico paleoveneto e le terme

This website uses cookies to manage authentication, navigation, and other functions. By using our website, you agree that we can place these types of cookies on your device.

You have declined cookies. This decision can be reversed.

You have allowed cookies to be placed on your computer. This decision can be reversed.

cadore